Sala X

Sala X

SALA X

Gioielli simbolici
Nella cultura popolare il gioiello scandisce le tappe della vita: medaglie battesimali, piccoli ciondoli per preservare i bambini da malattie e influssi malefici, doni di fidanzamento o parure di nozze, ornamenti da lutto, amuleti e talismani sono la testimonianza fedele di una società e di quel sincretismo magico-religioso profondamente radicato nella religiosità popolare dell’Italia meridionale.
Simboli e decori, armoniosamente fusi da una sapiente lavorazione del metallo prezioso, costituiscono l’intrinseca, profonda bellezza del gioiello popolare.
Chiavi e lucchetti, simboli del cuore della donna amata da aprire col dono d’amore ma anche da custodire gelosamente.
Forbici e tenaglie, per “tagliare” il malocchio e le malelingue.
Ferri di cavallo e cornetti, portafortuna.
Mezzelune e stelle, simboli cosmici propiziatori di fecondità.
Fiori, applicati come ornamento sui singoli oggetti o da soli, con valenza devozionale, come le rose della Madonna o i gigli di S. Antonio.
Il cuore, sicuramente il simbolo più usato, singolarmente o anche associato a frecce o spade.
Il mazzetto apotropaico, l’insieme cioè di sette, undici o tredici piccoli amuleti (chiave, lucchetto, gobbetto, cornetto, quadrifoglio, luna crescente, stella, forbici, ferro di cavallo, rana, sirena, serpentello) veniva apposto come pendente alle collane, con funzione protettiva.

Visitatori:
Hit Counter provided by stethoscope reviews